Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Osteoartrite nel cane: i fattori di rischio

Immagine Tempo di lettura: 3 min

Indice

L’osteoartrite nel cane è una malattia cronica molto diffusa. Si stima che addirittura l’80% dei cani sopra gli 8 anni ne sia affetto.

L’osteoartrite non può essere curata e spesso degenera in zoppia e dolori cronici. Una volta diagnosticata, soltanto la diagnosi precoce e il trattamento farmacologico possono aiutare a rallentare (ma non eliminare del tutto) il decorso della malattia.

Per questo è importante agire con la prevenzione, facendo seguire uno stile di vita sano e attivo al nostro cane ed evitando, laddove possibile, i più comuni fattori di rischio dell’osteoartrite: il modo migliore per assicurare al nostro animale una lunga vita piena di benessere!

Che cos’è l’osteoartrite nel cane

L’osteoartrite è una malattia degenerativa delle articolazioni che colpisce sia i cani giovani sia i cani anziani. Consiste in un’infiammazione cronica delle articolazioni che distrugge lentamente la cartilagine, causando problemi motori, rigidità muscolare e dolore.

Tra i sintomi dell’osteoartrite nel cane troviamo:

  • zoppia
  • rigidità muscolare
  • difficoltà nei movimenti quotidiani
  • riduzione del livello di attività
  • umore depresso e apatia
  • gonfiore articolare
  • perdita di pelo nelle zone doloranti
  • leccamento ossessivo delle zampe
  • difficoltà a trovare una posizione confortevole nel sonno

I sintomi tendono a peggiorare con il tempo, per questo è importante contattare subito il medico veterinario non appena si notano i primi cambiamenti nella normale routine del proprio pet.

Ma ancora più importante è prevenire l’osteoartrite nel cane!

Nonostante alcuni cani siano predisposti a sviluppare questa patologia, è possibile prevenire il problema mantenendo il perfetto stato di salute delle articolazioni. Come? Ad esempio evitando i più comuni fattori di rischio dell’osteoartrite.

I fattori di rischio dell’osteoartrite del cane

Iniziamo sfatando un mito: tra i fattori di rischio dell’osteoartrite canina non c’è l’anzianità dell’animale. L’osteoartrite può infatti manifestarsi anche nei cani più giovani: semplicemente, in età avanzata i sintomi sono più evidenti, soprattutto perché la malattia tende a peggiorare con il tempo.

Le cause dell’osteoartrite risiedono in ben altri fattori, ed è importante conoscerli se si desidera proteggere il proprio amico a quattro zampe da questa malattia invalidante e dolorosa.

Sovrappeso e obesità tra le principali cause dell’osteoartrite

Il sovrappeso e l’obesità nel cane sono i principali responsabili del rischio di sviluppare l’osteoartrite.

Il perché è facilmente intuibile: il peso eccessivo grava sulle articolazioni, rendendo più facili le infiammazioni. Anche il tessuto adiposo in eccesso gioca un ruolo importante nei processi infiammatori, compromettendo la salute dell’animale sotto tanti punti di vista, incluso il benessere delle articolazioni.

Fare il giusto movimento e seguire una dieta varia ed equilibrata sono due ottime strategie per scongiurare il rischio di manifestare precocemente l’osteoartrite nel cane.

Traumi e lussazioni possono predisporre all’osteoartrite

Nel corso della vita, può capitare che i nostri amici a quattro zampe incorrano in eventi traumatici, patologie e incidenti.

Lussazioni, rotture del legamento crociato, displasie sono spesso correlati allo sviluppo di anomalie alle articolazioni che, purtroppo, possono condurre allo sviluppo dell’osteoartrite. Tenere monitorate queste situazioni grazie all’aiuto di un buon medico veterinario è molto importante, anzi, fondamentale.

Anche i microtraumi ripetuti nel tempo possono ledere il benessere delle articolazioni del cane, causando danni permanenti gravi per il nostro pet.

Alcune razze di cani sono predisposte all’osteoartrite

Oltre ai fattori di rischio legati allo stile di vita, bisogna ricordare che alcune razze di cane sono geneticamente predisposte a sviluppare problemi alle articolazioni.

Sappiamo ad esempio che i cani di taglia media e grande sono predisposti alle displasie di anca e gomito: tra questi Bovaro, Labrador e Rottweiler.

Anche i cani di taglia piccola possono soffrire di patologie che rappresentano un potenziale fattore di rischio dell’osteoartrite, come la lussazione della rotula e la necrosi asettica della testa del femore comune in Bouledogue, Carlino e Yorkshire.

In questo caso, la prevenzione dell’osteoartrite consiste nel far seguire il proprio cane da un veterinario fin da cucciolo, monitorando la sua crescita e intervenendo anche chirurgicamente, se necessario.

Alcuni animali potrebbero beneficiare anche dell’uso di integratori alimentari e mangimi complementari a base di Omega 3, Glucosamina e MSM, che favoriscono il metabolismo articolare nei cani giovani in rapido accrescimento.

Protection Artro+

€52,00

Aiuta a mantenere le articolazioni sane e forti, supportando il benessere generale del tuo cane. 

La combinazione tra prevenzione veterinaria, vita attiva e sana e il supporto dei giusti integratori alimentari per cani è la strategia perfetta per mantenere le articolazioni sane e forti, supportando il benessere generale del cane e scongiurando il rischio di sviluppare tutti i sintomi spiacevoli dell’osteoartrite nel cane!

Disclaimer: le informazioni contenute in questo articolo hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere aggiornate in qualsiasi momento e non rappresentano un consulto medico, una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, né sostituiscono in nessun caso il parere del medico veterinario.

Altri articoli che potrebbero interessarti

curare la filariosi
Cani

Come curare la filariosi nel cane?

Tempo di lettura: 3 min Indice Se hai un cane, conosci bene l’importanza di contrastare e prevenire alcune malattie pericolose e potenzialmente mortali per il tuo amico a quattro zampe.

leggi di più